lunedì 20 agosto 2012

La gioia nella semplicità

Sono sempre stata dell'idea che la natura regala momenti di felicità, di intenso sentire. Non serve nulla: devi solo guardarla, osservarla, viverla. Mercoledì è andata proprio così. Una passeggiata sull'isola di Stradbroke, due occhi enormi a contemplare la bellezza dell'oceano, il colore dell'acqua e il miracolo inatteso che si ripete: il gioco dei delfini tra le onde, una tartaruga gigante che appare quasi all'improvviso premiandomi per la lunga attesa e il senso di incredulità alla vista delle enormi e maestose balene. Seduta sugli scogli con il viso rivolto al sole, lasciandomi spettinare dal vento penso che in questi momenti non mi manca nulla, respiro a pieni polmoni, tutt'intorno è perfetto. E imparo che "nulla è vero se non ciò che è semplice" (Goethe).
E pensi che anche nella stanza dei giochi, in quello che è a volte il mio rifugio, con poco, con pochi stampi dalle forme più semplici puoi creare la gioia, ma soprattutto puoi donarla anche agli altri.



Ingredienti per 4
Per il biscotto (M. Santin)

135gr tuorli
50gr zucchero semolato
30gr zucchero a velo
35gr farina
35gr farina di mandorle
2gr lievito
75gr burro
135gr albumi
115 cioccolato fondente al 55%

Cremoso alla vaniglia
 250gr panna
1 cucchiaino pasta di vaniglia
50gr zucchero
2gr di gelatina
65gr tuorli

avanzi di pasta sfoglia
pezzetti di ciliegia candita
4 sfoglia di cioccolato

Per il biscotto: montare a neve gli albumi aggiungendo poco alla volta lo zucchero semolato fino ad ottenere una meringa.
Lavorare a crema il burro; aggiungervi lo zucchero a velo, il cioccolato fuso e i tuorli.
Unire all'impasto la meringa avendo cura di mescolare dal basso verso l'alto.
Aggiungere la farina setacciata, il lievito ed infine la farina di mandorle.
Rivestire con la carta da forno una tortiera e versare l'impasto fino a raggiungere un'altezza di 1 cm.
Cuocere a 170° per circa 15 minuti.
Lasciar raffreddare il tortino. Con un coppa pasta tagliarlo in rettangoli e quadrati.
Per il cremoso: far idratare la gelatina; bollire la panna con lo zucchero e la vaniglia. Sbattere i tuorli leggermente, versarci sopra il liquido bollente e cuocere a 82°. Aggiungere la gelatina e passare al setaccio.
Versare una parte del cremoso all'interno di stampi a semisfera in silicone e conservarli in freezer fino a completo rassodamento. Al momento dell'utilizzo sovrapporre le sfere a due a due formando così una palla.
L'altra parte del cremoso conservarla in frigo e utilizzarla per le decorazioni con la sac a pochè per il primo dolce.
Dare alla pasta sfoglia la forma di un ovale allungato, spennellarla con l'uovo, bucherellarla per evitare che durante la cottura si gonfi e cospargerla con zucchero di canna. Cuocerla in forno a 180 per circa 15 minuti o fino ad ottenere un color caramellato.





La sfoglia qui sotto è stata cotta in forno sopra uno stampo da plum-cake capovolto, a forma di semi-cerchio.


34 commenti:

  1. Sono totalmente d'accordo con te :)
    Amo la natura e potrei restare ore ed ore a contemplarla :)
    Spettacolare questo dolce !
    Buon lunedì !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Auguriiiiiiiiiiiiii!!!
      Con notevole ritardo ma meglio tardi che mai!!
      A presto

      Elimina
  2. In questo momento contemplerei volentieri la bellezza della natura ma purtroppo sono imprigionata in città e al momento non riesco a liberarmi....mi consolerò ammirando questo magnifico dolce!!!
    Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessia!
      Facciamo che io porto il dolce e tu mi lasci una porzione dei tuoi gnocchi?? Io ci sto..

      Elimina
  3. la ricetta ovviamente mi ha colpita (e chi non colpirebbe?) ma lo hanno fatto ancora di più le tue parole sulla semplicità. una vita semplice, fatta di piccoli gesti, di cose quotidiane, fatte di una gita ad ammirare la natura. una cosa di questo tipo ti apre gli occhi, ed è in grado di farti sentire la persona più fortunata della terra. perchè è così: la maggioranza di noi è una persona fortunata. solo che la maggioranza di noi è così impegnata a lamentarsi, da non accorgersene. per fortuna che almeno qualcuno che si accorge di queste cose... c'è! :) bacino! sere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..lo so che condividi; i post che scrivi sono una conferma e io li leggo sempre volentieri...a quando il prox pic nic???
      Un bacione

      Elimina
  4. Ciao Mimi, concordo pienamente con quanto scrivi sulla semplicità.
    In quanto al dolce... it's spectacular!!
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Intanto mi preparo e vengo a suonare alla tua porta in men che non si dica! Preparati!!!

      Elimina
  5. Ma tu sei un'artista, ogni volta crei dei capolavori fini ed eleganti! PS: condivido in pieno la tua prefazione :) Purtroppo però spesso tendiamo a vedere solo il alto negativo della nostra vita e mai ci soffermiamo su ciò che invece abbiamo di prezioso!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. diciamo che ci provo..ma questo lo devo proprio al blog che mi ha fatto scoprire un altro mondo! E per il resto hai ragione...dovremmo desiderare ciò che abbiamo!
      Un abbraccio banda!

      Elimina
  6. Le forme che dai ai tuoi dolci mi affascinano sempre! Hai per caso fatto architettura??? Bravissima
    Condivido tutto ciò che hai detto riguardo alla semplicità, peccato che molti guardino le cose senza vederle realmente e quindi apprezzarle
    Mandi
    Tiziana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tiziana!
      Per l'amor del cielo! L'architettura mi piace ma non fa proprio per me...troppo capra in matematica...anche se in famiglia ci sono un architetto e un ingegnere e loro sanno che è molto meglio stia lontana dai calcoli!!
      Mandi mandi

      Elimina
  7. Tutto molto bello... il tuo post ... il tuo dolce!!!
    Complimenti!!
    Baci Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carmen! Sei sempre così dolce..Un abbraccio

      Elimina
  8. un opera d'arte, bravissima. ciao kiara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Kiara! Passo presto da te..diciamo fra mezz'oretta???

      Elimina
  9. Questi sono i cosiddetti momenti satori, sembrano così lontani e invece sono vicinissimi e basta poco per poterli vivere... Che bello, Mimi, te ne auguro milioni di momenti così, chiudere gli occhi e bastare a se stessi non pensando a nulla col cuore pieno di gioia... Ancora una volta hai creato un capolavoro, posso solo imparare da te, sei un genio, questo dessert è qualcosa di unico. Santin si complimenterebbe con te :) Un abbraccio grande e buona permanenza!

    RispondiElimina
  10. Ops! Momenti satori?? Devo andare a cercare il significato...cmq sia ogni tanto mi dimentico che basta poco, troppo presa a pensare a qualcosa che mi manca..
    vorrei essere un genio della pasticceria ma mi limito a guardare, cercare, scoprire e poi tentare di copiare..
    Un enorme abbraccio Vale!

    RispondiElimina
  11. Meraviglia delle meraviglie :)))) Concordo con un precedente commento, hai un'attenzione per le geometrie degna di un architetto o designer ;) Un bacio!

    RispondiElimina
  12. ma è una scultura!!!!!!!!! par quasi un peccato mangiarlo:-)

    RispondiElimina
  13. Cara Mimi' grazie per il tuo commento a volte poche parole valgono tanto... e la natura e' vero ci regala momenti splendidi!!
    e tu mi regali sempre delle dolcezze incredibilmente buone per non parlate della presentazione! devo provare a fare il cremoso alla vaniglia che dici posso farloa come farcia per un dolce?
    baci

    RispondiElimina
  14. ma che belle creazioni sono uno spettacolo , sembra uscito dalla mia enciclopedia della grande pasticceria d'autore che ancora non ho in coraggio di provare una ricetta ,complimentissimi

    RispondiElimina
  15. Ma Mimì che meraviglie mi fai?!! Stai diventando una pasticcera provetta, è bellissima la composizione di questo dolce, sono rimasta praticamente in contemplazione :). E' vero sembra uscita da un libro di pasticceria d'autore. Brava brava brava. E che darei per fare un giretto dalle tue parti, una fettina del tuo dolce e una passeggiata di fronte all'oceano e sarei in paradiso :) Un abbraccio grande.

    RispondiElimina
  16. alta pasticceraia da te :) ti seguirò con piacere.. grazie per la visita!!!

    RispondiElimina
  17. Condivido i tuoi pensieri, complimenti per il tuo blog, chissà che bontà poi questo super biscotto presentato benissimo! Complimenti ancora, un saluto Cinzia

    RispondiElimina
  18. ciao Mimì, ma non dirmi che sei in Australia......è il mio grande sogno, che meraviglia ci offre la natura, è vero basta guardare.
    I tuoi dolci sono spettacolari
    baci sabina

    RispondiElimina
  19. Pensa, nello stesso giorno abbiamo pubblicato due post che hanno lo stesso significato ;)
    a presto
    mari

    RispondiElimina
  20. Una vera delizia!!! Complimenti per lo splendido post!!! Un abbraccio

    RispondiElimina
  21. Mimi bella, quando hai tempo passa da me che c'è una cosina per te! :) Spero di non rompere le scatole, sentiti libera di fare ciò che vuoi! Un abbraccio grande :)

    RispondiElimina
  22. straordinaria fantasia e splendida eseguzione.brava

    RispondiElimina
  23. ma sono dei capolavori O_O delle vere opere d'arte!!
    Sarebbe un peccato toccarli!!!
    Mi è sembrato di essere li con te su quello scoglio, leggendo il tuo post ho respirato la stessa sensazione di completezza. Grazie.
    Cri

    RispondiElimina
  24. ottima ricetta, brava!da oggi ti seguo( appena iscritta) ti va di ricambiare? grazie ti aspetto, ciao!

    RispondiElimina
  25. ma che robe meravigliose tiri fuori??? mi lasci senza parole!
    ..e delfini? balene? tartarughe? no dai dimmi che è uno scherzo ti prego!! e se così non fosse, riempiti gli occhi anche per me :)

    RispondiElimina